Telefono e Fax

Tel: 0574560947 Fax: 0574628236

Consulenza aziendale e tributaria

A marzo 2020 dimezzate le nuove partite Iva rispetto al 2019, nel primo trimestre la flessione è del 19,7%

Mercoledì 20/05/2020

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Nel primo trimestre 2020 il numero di nuove partite Iva si è ridotto del 19,7% rispetto al 2019. Questo il dato che emerge dall'ultimo comunicato dell'Osservatorio sulle partite IVA del Ministero dell'Economia e delle finanze. Nei primi tre mesi del 2020 infatti si contano 158.740 nuove attività, quasi un quinto in meno rispetto allo stesso periodo del 2019. Nei primi due mesi, rileva il Mef, risulta una contrazione dell'8% dovuta "principalmente alla diminuzione di avviamenti in regime forfetario rispetto al notevole aumento riscontrato nei primi mesi del 2019 grazie all'innalzamento del limite di ricavi a 65.000 euro". Poi a marzo è intervenuta l'emergenza sanitaria. In particolare il diffondersi del contagio e le stringenti misure di contenimento avrebbero portato ad un calo di aperture pari al 50%.

Tre quarti delle nuove aperture di partita Iva è da imputare alle persone fisiche (76,1%), seguite dalle società di capitali (18,6%) e dalle società di persone (3,6%). Nel mese di marzo tutte le forme giuridiche registrano un crollo compreso tra il 50 e il 57%, mentre nei primi due mesi del 2020 sono state le società di persone fisiche ad accusare maggiormente il colpo (-9,7%), proprio la categoria che, scrive il Mef, "L'anno scorso hanno subito un forte aumento a causa delle massicce adesioni al regime forfetario".

Guardando alla distribuzione geografica delle nuove Partite Iva risulta che il 42,5% delle aperture del primo trimestre sia localizzata al Nord, il 21,5% al Centro e il 33% al Sud e nelle Isole. Le regioni che hanno subito il maggiore crollo percentuale appartengono a zone eterogenee del Paese. In testa alla classifica il Lazio, con il 22,95% di aperture rispetto al 2019, seguito dalla Calabria (-22,57%), dalla Basilicata (-21,54%), dalla Liguria (-21,38%) e dall'Emilia Romagna (-21,32%). La Lombardia, segnala il Mef, a marzo ha accusato una flessione del 55,2%. Eterogeneità anche per quanto riguarda la classificazione provinciale. Alessandria risulta essere la più colpita, con -32,65%, seguita da Lodi (-31,46%), Crotone (-28,26%), Brindisi (-28,24%), Rieti (-27,41%), Vercelli (-26,50%), Prato (-26,25%), Messina (-26,11%), Reggio Emilia (-25,29%) e Fermo (-25,08%). Le province che invece hanno registrato una riduzione più contenuta sono Trieste (-2,94%), L'Aquila (-6,65%) e Cuneo (-7,72%).

Le attività professionali sono il settore produttivo che ha registrato il maggior numero di partite Iva (19,7% del totale), seguito dal commercio (17,1%) e dalle costruzioni (9,7%). Il settore dell'intrattenimento resta quello maggiormente colpito a causa delle stringenti misure atte a contenere il contagio: -24,9% nelle aperture del trimestre, -63,9% nel mese di marzo.

Per quanto riguarda la distribuzione anagrafica delle nuove partite Iva di persone fisiche quasi la metà è stata avviata da giovani fino ai 35 anni (47,6%), seguiti dalla fascia 36-50 anni (31,7%). Gli over 65 anni hanno registrato la riduzione più consistente (-31,90%), seguiti dalla fascia 51-65 (-23,95%), 36-50 (-22,06%) e under 35 (-17,39%). Sempre per la stessa forma giuridica il 61,1% delle nuove aperture è da imputare ai maschi, la restante parte alle femmine. Il 51,5% del totale delle nuove aperture ha aderito al regime forfetario (81.779 unità), con una diminuzione del 21,7% rispetto al primo trimestre 2019.
Le ultime news
Oggi
Il Decreto “Rilancio” ha previsto l’abbuono del versamento del saldo IRAP 2019 e del...
 
Oggi
Con la Risoluzione n. 27/E del 29 maggio 2020 l'Agenzia delle Entrate ha istituito i codici tributo per...
 
Oggi
Il Ministero dell'Economia e delle Finanze ha illustrato le principali misure a favore delle famiglia...
 
Oggi
L'Inps ricorda che è attivo il servizio online ISEE precompilato tramite il quale è possibile inviare...
 
Ieri
Il Consiglio e la Fondazione Nazionale dei Commercialisti hanno pubblicato il documento di ricerca "Le...
 
Ieri
L'Art. articolo 1, comma 738, della legge 27 dicembre 2019, n. 160 (Legge di Bilancio 2020) ha stabilito...
 
Ieri
Il decreto n. 34/2020 ha previsto una serie di misure per il rilancio del settore turistico-culturale,...
 
Mercoledì 03/06
Il 16 giugno 2020 scade il termine per versare il primo acconto di IMU per l'anno di imposta 2020. La...
 
Mercoledì 03/06
Per effetto dei vari Decreti Legge che si sono susseguiti negli ultimi mesi a causa dell'emergenza epidemiologica...
 
Mercoledì 03/06
Sul sito internet dell'Agenzia delle Entrate è stato pubblicato il Rapporto immobiliare non residenziale...
 
Lunedì 01/06
L'articolo 186 del Decreto Rilancio modifica l'articolo 57-bis del d.l. n. 50/2017 rafforzando il credito...
 
Lunedì 01/06
Con Provvedimento del 26 gennaio 2020 l'Agenzia delle Entrate ha definito le modalità di versamento...
 
altre notizie »
 

Studio Santangelo

Via Del Molinuzzo, 93 - 59100 Prato (PO)

Tel: 0574560947 - Fax: 0574628236

Email: segreteria@studiosantangelo.it

P.IVA: 01683680977